Arte italiana a Vancouver, in mostra 500 anni di pittura

Arte italiana a Vancouver, in mostra 500 anni di pittura

Botticelli, Domenichino, Tiziano, Caravaggio sono solo alcuni degli artisti italiani presenti alla mostra dal titolo “Of Heaven and Earth” alla Vancouver Art Gallery. L’esposizione, visitabile dal 12 giugno fino al 4 ottobre, accoglie alcuni dei capolavori degli artisti italiani dal XIII al XIX secolo, provenienti dai Musei di Glasgow.

Arte italiana a Vancouver, oltreoceano si omaggia l’arte italiana

Sbarcano oltreoceano e vengono annunciati come i “maestri europei” i nomi più prestigiosi che hanno segnato l’arte italiana ed europea dal Medioevo fino all’Ottocento. “Of Heaven and Earth”, come suggerisce il titolo stesso, si propone di mettere insieme l’arte italiana esaminandone gli sviluppi tematici e stilistici. Si parte dalla spiritualità dei soggetti, legati in maniera indissolubile alla Chiesa – e quindi al Cielo – del Medioevo, fino al genere Neoclassico e alla pittura paesaggistica del XIX secolo più vicini, invece, alle tematiche terrene.

Le sezioni della mostra

Si tratta di un’esposizione dalle proporzioni imponenti che raccoglie ben 500 anni di pittura italiana. Cinque le sezioni in cui è suddivisa la mostra che si snoda seguendo un percorso cronologico. Si parte con il San Lorenzo di Niccolò di Buonaccorso. Fondo oro e rappresentazione bidimensionale, l’artista senese incarna perfettamente lo spirito del suo tempo. La tecnica utilizzata e le tematiche trattate sono rappresentative di tutta l’arte medievale italiana.

L’arte italiana dal Rinascimento al Barocco

Con Botticelli, invece, si cambia secolo. La prospettiva è ampiamente utilizzata e si mette in atto il graduale passaggio dall’Umanesimo al Rinascimento. Il “Cristo e l’adultera” del Tiziano rappresentano appieno il Cinquecento. Padronanza nella rappresentazione della natura e grande capacità nella tecnica figurativa sono i tratti distintivi del secolo.

L'Arte italiana a Vancouver è impreziosita dal "Cristo e l'adultera" del Tiziano

L’Arte italiana a Vancouver è impreziosita dal “Cristo e l’adultera” del Tiziano

Anche il Manierismo trova spazio nell’esposizione alla Vancouver Art Gallery. Dopo il Rinascimento, la mostra prosegue con la sezione dedicata al Barocco, che si afferma intorno al XVII secolo.

Michelangelo Merisi da Caravaggio è il nome che non può mancare nelle esposizioni che raccontano l’arte del Bel Paese. C’è anche lui nella mostra “Of Heaven and Earth”, proprio lui che riesce a mescolare nei suoi quadri in maniera eccelsa Cielo e Terra. La spiritualità dei temi trattati si fonde e si confonde con l’umanità dei personaggi rappresentati.

La sua influenza è tangibile anche nel dipinto di Carlo Dolci “Salomè con la testa del Battista”. L’opera, datata nella seconda metà del Seicento, mette in evidenza un raccapricciante contrasto fra la testa decapitata del Battista e l’espressione pudìca di Salomè.

Arte italiana dal XVIII al XIX secolo

Nel XVIII secolo si cambia registro. Le raffigurazioni a sfondo religioso perdono di centralità nella rappresentazione a favore dei soggetti mitologici e al rinnovato interesse per il gusto classico. I committenti britannici arrivati in Italia nel tradizionale Grand Tour, inoltre, creano una crescente domanda di dipinti di vedute. Questo porta alla nascita di un vero e proprio genere a sé stante.

L’ultimo capitolo della mostra è dedicato all’Ottocento. La passione per il realismo e per la sua rappresentazione si pone agli antipodi con i soggetti rappresentati nel Medioevo con cui si apre la mostra “Of Heaven and Earth”. Ed ecco che è compiuta l’analisi stilistico-tematica che l’esposizione vuole evidenziare. Il percorso visivo si chiude, infatti, con Antonio Mancini che, nelle sue opere, risente dell’influenza impressionista francese.

Patrizia Capoccia

Patrizia Capoccia

Dopo gli studi in Comunicazione e dopo la specializzazione in Giornalismo, diventa giornalista pubblicista. Si interessa di arte, cultura e fotografia per la quale nutre una passione fin dai tempi universitari.


Tag assegnati a questo articolo:
arte italianamostravancouver