James Dean a Times Square, foto di un mito

James Dean a Times Square, foto di un mito

Una sagoma che si riflette sull’asfalto in una giornata di pioggia battente è una delle foto che rappresenta al meglio il mito di James Dean. Scattata dal fotografo Dennis Stock, “James Dean a Times Square” è diventata l’icona della stella statunitense, giovane promessa del cinema hollywodiano.

James Dean a Times Square, foto di un mito

Dennis Stock, fotografo della storica Agenzia Magnum, propone alla redazione della rivista “Life” un servizio sull’attore James Dean. All’epoca, la giovane promessa non era ancora all’apice del successo, che sarebbe arrivato immediatamente dopo l’immagine in questione.

Siamo, infatti, nel 1955. La pellicola “La Valle dell’Eden” era stata appena girata ma non è ancora stata distribuita nei cinema e Nicholas Ray ha intenzione di ingaggiare James Dean per il suo prossimo film “Gioventù bruciata”.

"James Dean a Times Square" di Dennis Stock

“James Dean a Times Square” di Dennis Stock

L’attore è ancora poco conosciuto, ma la foto che scatterà Stock, più che testimoniare la nascita di una star, sarà destinata a diventare l’immagine-simbolo di un mito, scomparso dalle scene troppo presto. James Dean morirà poco dopo, nel settembre del 1955, in un incidente stradale quando aveva appena 24 anni.

La location

Dennis Stock sceglie di fotografare l’attore in una giornata di inverno a New York. I due passeggiano a Times Square. La location potrebbe sembrare scontata se non ci fosse la pioggia. È, infatti, proprio l’acquazzone quell’elemento in più che fa della foto un’immagine riconoscibile tra mille.

L’atmosfera di nebbia e la poca visibilità dovuta alla pioggia costringono James Dean ad una posa piena di fascino. L’attore cammina leggermente incurvato per ripararsi dalla pioggia. Si stringe nelle spalle e la smorfia che accenna sul volto sembra nascondere chissà quali pensieri. La sigaretta che sporge da un angolo della bocca completa il ritratto.

L’inquadratura

La composizione dell’immagine è verticale e serve a non appiattire il soggetto che altrimenti risulterebbe travolto dai grattacieli infiniti che appaiono sullo sfondo. La “statura” artistica dell’attore, inoltre, viene sapientemente esaltata attraverso il riflesso della sua ombra sull’asfalto che ne raddoppia l’altezza. Non solo. Quell’ombra sfocata, incerta diventa la metafora della vita stessa della star, inquieta, irrequieta e nervosa.

Sembra la scena di un film a cui James Dean ha preso parte e invece si tratta della sua vita privata. Times Square diventa il palco di uno dei teatri di Broadway dove Dean ha recitato. Il confine tra l’uomo e il mito, tra la carriera artistica e la vita priva sbiadisce e Dennis Stock è lì per coglierlo e documentarlo.

Dennis Stock in una foto del 1951

Dennis Stock in una foto del 1951

L’incontro

L’incontro tra James Dean e Dennis Stock avviene per caso. Si conoscono nel 1954 a Hollywood, presentati da Nicholas Ray. Dopo quella presentazione, Dean inviterà il fotografo alla prima del film “La Valle dell’Eden”. «Lo avevo conosciuto in un bungalow e non sapevo bene chi fosse – ricorda Dennis Stock.

«Ma quando vidi la famosa scena del campo di fagioli capìì subito che sarebbe diventato una vera star e pensai subito di fare qualcosa con lui». Entrambi sono giovani – Stock ha venticinque anni – entrambi sono espressione della stessa generazione e entrambi sono i protagonisti di questa icona immortale.

Il fotografo

Dennis Stock nasce a New York nel 1928 e si appassiona alla fotografia dopo la guerra. Conosce Robert Capa e nel 1954 entra a far parte dell’agenzia Magnum. In quegli anni si trasferisce a Hollywood, conosce James Dean e si dedica al mondo del Jazz, le cui foto saranno pubblicate in un libro. Muore nel 2010 in Florida.

Patrizia Capoccia

Patrizia Capoccia

Dopo gli studi in Comunicazione e dopo la specializzazione in Giornalismo, diventa giornalista pubblicista. Si interessa di arte, cultura e fotografia per la quale nutre una passione fin dai tempi universitari.